Iscriviti alla nostra mailing list

Torella dei Lombardi Torre Normanna di Girifalco

Torella dei Lombardi - Torre Normanna di Girifalco

Sulla collina di Girifalco, avvolta dal bosco di cerri secolari, si erge solitaria ma maestosa una Torre quadrangolare, con le mura spesse, edificata nel XII secolo, che presenta le caratteristiche tipiche dell'architettura militare normanna dei primi tempi. E' intorno alla Torre che si è aggregato il borgo medioevale di Girifalco, fortificato da un castello di proprietà feudale, di cui però oggi non resta alcuna traccia, probabilmente a causa della contiguità di un luogo di culto dedicato ai Santi martiri Giovanni e Paolo. Infatti, alle due figure religiose è dedicata una chiesetta nei cui pressi insiste un'antica Ara Pagana, poi cristianizzata. La Torre svolse la sua funzione difensiva fino alla prima metà del XV secolo, successivamente venne fortemente danneggiata da due terremoti, nel 1456 e nel 1466. L'area venne abbandonata, tanto che in un diploma del 1649 del Re Ferdinando I d'Aragona, l'area risultò "terra distrutta e disabitata". Purtroppo, la torre subì un pessimo mutamento di destinazione d'uso: divenne un deposito di attrezzi per l'agricoltura. Ciò impose la costruzione di una porta "fuori asse" rispetto all'originario ingresso ubicato al secondo livello, come lascia inequivocabilmente trasparire l'immagine.

 

Il territorio
Posto su uno sperone montuoso, al confine tra le valli dell'Ofanto e dell'Ansanto, Torella dei Lombardi sorge in un suggestivo scenario naturale, tra il fiume Fredane e un bosco popolato da alberi secolari. Al suo interno si trova la cosiddetta Torre di Girifalco, residuo di un antico sito di incastellamento attorno al quale si sviluppò l'originario abitato. Il borgo deve il suo nome proprio alle fortificazioni di cui era dotato in epoca Longobarda. Alla precedente epoca romana appartengono, invece, le testimonianze archeologiche custodite nel Museo Civico, ospitato nel Castello Candriano. Nel centro storico è possibile ammirare la caratteristica Fontana Monumentale, risalente al XIX secolo e articolata su due livelli, dei quali quello inferiore svolgeva le funzioni di lavatoio pubblico. Torella dei Lombardi era ricca di opere d'arte custodite nelle varie chiese che la popolavano, purtroppo danneggiate dal terremoto del 1980. Molte di queste opere sono state recuperate e oggi sono conservate nella ricostruita Parrocchiale di Santa Maria del Popolo. Altro interessante edificio religioso è la Chiesa dei Santi Giovanni e Paolo, situata sulla collina di Girifalco e dalla quale si accede ad un'antica ara pagana, consacrata in epoca paleocristiana con la sovrapposizione di una croce.

 

Come arrivare a Torella dei Lombardi
Da Roma: Autostrada A1 MI-NA direzione Napoli, proseguire su A16.
Uscita Avellino Est, proseguire Via Ofantina/SS7 fino a Torella dei Lombardi.
Da Bari: Autostrada A14 BO-TA, direzione Bologna, proseguire su A16.
Uscita Avellino Est, proseguire Via Ofantina/SS7 fino a Torella dei Lombardi.


Questo sito utilizza i cookie: cliccando su OK o proseguendo nella navigazione si acconsente all'utilizzo dei cookie.