Iscriviti alla nostra mailing list

IL SANNIO QUOTIDIANO - Al Giffoni Film Festival i castelli irpini raccontano il viaggio di Giuseppe Ottaiano

"Le immagini che ho realizzato impegnando il mio tempo e i miei mezzi saranno per la prima volta presenti su un palcoscenico internazionale".

Il viaggio come elemento dell'esistenza, come esperienza che avvicina e rivela un paesaggio o una cultura. Lo ha sperimentato Giuseppe Ottaiano, grafico e direttore artistico per professione, viaggiatore per passione. Una scelta singolare, quella di Ottaiano, che ha iniziato il proprio viaggio all'interno dei confini della Campania, in un territorio, la provincia di Avellino, spesso posto in secondo piano rispetto ad altre aree geografiche perennemente alla ribalta nazionale ed internazionale.

Convinto che proprio le aree interne abbiano da raccontare una storia genuina di valori, tradizioni e saperi da custodire e tramandare, nelle tappe del percorso iniziato quattro anni fa e non ancora concluso, Ottaiano ha incontrato oltre 74 giganti di pietra, taluni maestosi ed imponenti, altri sfregiati ma recanti i segni di un'antica dignità, che popolano la verde Irpinia. Sono i manieri e le fortificazioni che, nati spesso nella lontana epoca longobarda a difesa del territorio, sono sopravvissuti alle tempestose vicende che segnarono il Medioevo e, divenuti feudi di importanti famiglie della nobiltà cittadina napoletana, hanno continuato la loro vita, trasformandosi nel tempo in dimore signorili di gusto e ospitando artisti, letterati, papi e uomini illustri. All'ombra dei castelli Giuseppe Ottaiano ha conosciuto borghi vitali e operose cittadine, prodotti dell'agricoltura, della vitivinicoltura, dell'artigianato, capaci di raccontare antiche storie di quotidiano lavoro, di amore per la terra, di parlare al cuore e ai sensi. Come raccontare tutto questo? Come trasmettere e conservare, che è poi uno degli aspetti del viaggio, il patrimonio di esperienze, conoscenze, incontri acquisito nel tempo? Ad Ottaiano, cresciuto nella cultura dell'immagine, è parso naturale fermare in immagini fotografiche le impressioni di un cammino che continua, per visitare in Irpinia i pochi borghi e castelli che ancora non ha toccato, e poi in tutta la Campania. Ne è nata una mostra fotografica "Immagini come appunti di viaggio – Castelli e Fortificazioni in provincia di Avellino" che, selezionando oltre un centinaio degli innumerevoli scatti realizzati, illustra con immediatezza il patrimonio storico - architettonico dei siti di incastellamento, accompagnando il visitatore, con il sussidio di pannelli descrittivi, alla scoperta di un territorio capace di ricreare i legami con la storia cui apparteniamo. La mostra, pensata come evento itinerante, ha attraversato vari comuni della provincia di Avellino, ospite fra gli altri di Aquilonia, Lauro e Ariano Irpino. Nel 2011, nell'ambito del Napoli Film Festival, presso Castel Sant'Elmo a Napoli, grazie ad essa è stata lanciata per la prima volta la proposta di utilizzare i castelli irpini come location per ambientare produzioni cinematografiche. In provincia di Napoli, la Mostra è stata anche esposta a Marigliano. La lungimiranza di Loredana Conti, Commissario Straordinario dell'EPT di Avellino, che ha voluto inserire le immagini fotografiche nell'ambito di un progetto di valorizzazione extra territoriale delle Terre d'Irpinia, ha fatto sì che il cammino della mostra proseguisse nelle città di Roma, (Sala del Primaticcio di Palazzo Firenze), e Bari
(Sala Angioina del Castello Svevo). Dal 19 al 28 luglio, sarà il Giffoni Film Festival ad ospitare, presso il Guest Office della kermesse cinematografica dedicata ai giovanissimi, la Mostra "Immagini come appunti di viaggio – Castelli e Fortificazioni in provincia di Avellino", apprezzata dal patron Claudio Gubitosi. Grazie alla partecipazione al G.F.F. «i castelli irpini – dice G. Ottaiano – raccontati dalle immagini fotografiche che ho realizzato impegnando il mio tempo e i miei mezzi, saranno per la prima volta presentati su di un palcoscenico internazionale». Martedì 23 luglio, alle 12.30, presso la Sala Conferenze del G. F. F. si terrà una Conferenza Stampa che vedrà la partecipazione, oltre all'autore, di Loredana Conti, Commissario Straordinario EPT Avellino; Giovanni Maria Chieffo, Presidente del Consorzio GAL Irpinia, la cui estensione abbraccia molti dei comuni della provincia di Avellino in cui è presente un sito di incastellamento; Mauro Giancaspro, Direttore della Biblioteca Nazionale di Napoli, da tempo vicino alle iniziative promosse da Giuseppe Ottaiano, che testimonieranno l'interesse delle istituzioni per una delle principali iniziative private a sostegno della valorizzazione del territorio, capace di portare alla ribalta un aspetto singolare della nostra regione: i castelli, visti come importante risorsa turistica e dunque economica per la provincia di Avellino. Fra gli ospiti della Conferenza Stampa/Talk Show, Raffaele Fabiano, Sindaco del Comune di Casalbore, che ha ospitato in anteprima, nel 2011, la mostra itinerante, e la cui amministrazione ha creduto nel progetto dell'Associazione Culturale Terre di Campania, che ha lavorato per trasformare la mostra di Ottaiano da esposizione itinerante a permanente, dando vita al Museo dei Castelli. Nell'intento di valorizzare globalmente il territorio, i prodotti tipici dell'enogastronomia irpina saranno protagonisti di una speciale degustazione che seguirà la Conferenza Stampa. Offerti da aziende specializzate in produzioni di eccellenza, solleticheranno i sensi degli ospiti i salumi tradizionali di Calitri e i formaggi freschi e stagionati, le conserve di Cipolla Ramata di Montoro e l'olio di Ravece accompagnato dal caratteristico pane irpino e dai pomodorini di collina. In degustazione anche gli ottimi vini DOCG, Taurasi, Greco di Tufo e Fiano di Avellino.
Parteciperanno alla degustazione: Azienda Vitinicola Salvatore Molettieri – Taurasi DOCG; Ciro Picariello – Vignaiolo in Summonte – Fiano di Avellino DOCG; Azienda Agricola Benito Ferrara – Greco di Tufo DOCG; APOOAT Soc. Coop. a.r.l. – Olio di Ravece; Azienda Agricola CORSO – Pecorino di Laticauda; Cooperativa Agricola Molara – Caciocavalli Stagionati e Semi-stagionati; Caseificio Gambone s.n.c. – Latticini freschi; Salumificio Tornillo S.r.l. – Salumi tradizionali di Calitri; Società semplice agricola GAIA – Cipolla Ramata di Montoro; il servizio è a cura dell'Hotel Colucci di Nusco (AV).
La valorizzazione del ricco patrimonio di siti di incastellamento irpini è un tema che, oltre a coinvolgere aziende specializzate in produzioni tipiche, interessa anche realtà lavorative fortemente orientate al futuro, come Av Project, attiva nel settore delle produzioni fotovoltaiche. Si tratta di un'azienda all'avanguardia, ma al contempo saldamente radicata sul territorio di origine, Manocalzati (AV), sede di un castello. Av Project sostiene, in qualità di sponsor, la presenza al G.F.F. della Mostra Fotografica "Immagini come appunti di viaggio – Castelli e Fortificazioni in provincia di Avellino". Dopo il G.F.F., per iniziativa dell'amministrazione comunale di Flumeri, AV, la Mostra farà tappa presso la Dogana Aragonese di Flumeri, dal 18 al 24 agosto.

Casalbore
Il museo dei manieri e un fascino che non ha eguali.

Grazie alla collaborazione tra l'Associazione Culturale Terre di Campania e il Comune di Casalbore la Mostra Fotografica Itinerante "Immagini come appunti di viaggio - Castelli e Fortificazioni in provincia di Avellino" diventa il nucleo principale del "Museo dei Castelli", ospitato presso i locali compresi nell'area castellare che affianca la Torre Normanna, simbolo del borgo di Casalbore. Oltre all'area espositiva dedicata alla presentazione, attraverso immagini fotografiche corredate di testi descrittivi, del ricco patrimonio di siti di incastellamento irpini, il "Museo dei Castelli" si compone di un percorso didattico destinato alla scoperta del mondo dei castelli e del Medioevo in genere, con laboratori didattici a tema. Dei castelli irpini finora inclusi nell'esposizione fotografica viene illustrata non solo la storia, ma anche quella del territorio su cui insiste ciascun castello con le sue peculiarità (siti di interesse, leggende, tipicità eno-gastronomiche, etc.).
Il "Museo dei Castelli" ospita anche convegni, presentazioni ed eventi dedicati alla valorizzazione del territorio e delle sue tipicità e aspira ad ampliare l'esposizione fotografica grazie all'inclusione dei castelli del Sannio beneventano. Una visita al "Museo dei Castelli" di Casalbore è un'esperienza da non perdere per scoprire una delle realtà più affascinanti della regione Campania.


Questo sito utilizza i cookie: cliccando su OK o proseguendo nella navigazione si acconsente all'utilizzo dei cookie.