Iscriviti alla nostra mailing list

Lauro - Lumina in Castro, grand tour con dame e cavalieri

Carmela Maietta

LAURO. Ci sarà anche il personaggio di Siffridina, affascinante contessa di Caserta e Signora di Lauro, a fare da guida agli ospiti nelle sontuose sale dell'antico maniero dei principi Lancellotti, che si alternerà con un altro principe, il longobardo Guainaro, per dare maggiore lustro alla sesta edizione di "Lumina in Castro": un suggestivo viaggio nella storia raccontato dagli stessi protagonisti che hanno dato vita alle complesse vicende del periodo longobardo-normanno. Una serie di eventi, a partire da domani, proposti dall'Associazione Culturale Pro Lauro, presieduta da Pasquale Colucci, e che continueranno nei giorni 26, 27, e 28. Ambientata all'interno del castello Lancellotti la kermesse prevede rievocazioni e scene di vita medievale, battaglie simulate tra arcieri e armigeri, spettacoli, oltre naturalmente a proposte musicali e gastronomiche.

Si comincia domani alle ore 20 con la rappresentazione "Ordalia de Lo Foco" mentre il 26, sempre alla stessa ora, va in scena "Lancia e Spada: Longobardi e Normanni". E in tema con il contesto ambientale sempre il 26, alle ore 18, nel primo cortile mostra fotografica, curata da Giuseppe Ottaiano e inaugurata dal direttore generale per i beni culturali della Campania, Gregorio Agnellini, "Castelli d'Irpinia, pietre fra cielo e terra", che porta il visitatore in un lungo e intrigante percorso tra le meraviglie dell'Irpinia tracciato da un immaginario cavaliere templare, Guiscardo da Seborga.

Il periodo medievale è l'inizio di un percorso storico-culturale dell'Associazione Pro Lauro che, attraverso la rievocazione di vicende anche meno note, si fa rilevare, intende offrire uno spaccato di storia locale al grande pubblico, soprattutto ai giovani perché possano contare sui diversi elementi che compongono le proprie radici. In questa ottica si innesta (26 agosto ore 19) l'apertura del Castello a cui seguirà il corteo storico con partenza da piazza Marco Biagi.

E naturalmente sarà possibile fare una conoscenza ravvicinata con il castello Lancellotti (IX-X secolo d.C.) con delle visite guidate che comprendono una particolare sceneggiatura e ciceroni che rievocano perfettamente i personaggi storici che, a vario titolo, hanno soggiornato nel maniero. Dove, per l'occasione, saranno aperte al pubblico diverse sale che normalmente restano chiuse. Per informazioni e prenotazioni si può consultare il sito www.prolauro.it oppure telefonare ai numeri 3384619891 e 327457463.


Questo sito utilizza i cookie: cliccando su OK o proseguendo nella navigazione si acconsente all'utilizzo dei cookie.